Ndzuti giorno 2

Ndzuti giorno 2

Sveglia alle 6:45, colazione soft e via per il primo safari della giornata con Bruce. Il cielo è grigio e fa abbastanza freddo. Lungo le stradine dissestate del bush osserviamo a destra e a sinistra per intravedere qualche animale mattiniero. Lungo il fiume si stanno abbeverando una mandria di grossi bufali e ci avviciniamo per riprenderli da vicino. Riprendiamo il percorso e subito dopo ci accorgiamo della presenza di un magnifico e solitario rinoceronte che si allontana con un’agilità incredibile.
Tra l’erba secca notiamo un paio di cuccioli di leone, subito dopo però una carcassa di bufalo è circondata da altri leoni piccoli e adulti. Una imponente leonessa ci osserva a poca distanza , mentre gli altri continuano a mangiare. Li osserviamo per un po’ , poi proseguiamo per tornare al campo dove ci aspetta la vera e propria colazione!!!
Alle 11:30 Jude, ci propone una nuova escursione nel bush e noi ovviamente ne siamo felici, anche perchè il campo è così piccolo che veramente non sai cosa fare per passare il tempo.
Si riparte e questa volta con lei alla guida della Range Rover. Lungo la strada incontriamo i bufali di ritorno dal fiume: sono veramente tanti!!! Notiamo anche alcuni piccoli, ben protetti dagli adulti. Dopo aver superato un piccolo campo tendato, ritorniamo ad osservare i leoni e li troviamo tutti lì intorno a fare banchetto con il povero bufalo. Questa volta notiamo la presenza di due enormi leoni maschi che si sono aggiunti agli altri: sono veramente i re della savana! Alcuni avvoltoi a poca distanza aspettano il loro turno accanto ad una pozza di fango. Facciamo altri giri seguendo le tracce fresche di altri animali, ma senza esito. Sulla strada del ritorno ci imbattiamo in una famigliola di facoceri che si allontanano dopo averci osservato per qualche istante. Siamo di nuovo al campo, sono quasi le 13 e alle 15:00 si pranza.
Abbiamo il tempo di fare un riposino!

nel pomeriggio inoltrato torniamo avedere i leoni incontrati al mattino, si è aggiunto al gruppo un ulteriore grosso maschio e i piccoli sono sparsi intorno a gambe all’aria con la pancia inverosimilmente piena. Anche noi sentiamo la necessità di riempire la pancia e rientriamo al campo per la cena.